Motivazione alla lettura: come stimolare il piacere di leggere?

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [NILDPG2I] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [298F7CIH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [D53Q3STH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Motivazione alla lettura: come stimolare il piacere di leggere?

Che cosa si può consigliare agli insegnanti per stimolare nei bambini e nei ragazzi la motivazione alla lettura?
Schermata 2018-03-22 alle 13.03.11

Per stimolare la motivazione alla lettura si possono consigliare varie cose. Indubbiamente genitori e insegnanti si impegnano tanto per motivare i bambini e i ragazzi alla lettura, però, a volte, troppo “zelo” può fare danni, nel senso che solitamente gli esseri umani fanno volentieri quello che scelgono, non quello che viene loro imposto. È quindi importante rispettare il principio di autodeterminazione dei lettori in età evolutiva.

La scuola, per sua natura, tende a essere impositiva, nel senso che sono gli insegnanti che fanno le proposte, quindi è inevitabile che l’invito alla lettura venga percepito come un’imposizione dall’alto. E gli stessi genitori hanno di solito la tentazione di spingere i bambini a leggere, ma in questo modo rischiano di ottenere l’effetto opposto. Se invece la motivazione è intrinseca e il bambino sente che è lui che vuole leggere, sicuramente è più facile che si consolidi il piacere della lettura. Quindi bisogna essere un po’ strategici, sia come insegnanti che come genitori. Bisogna riuscire a indurre la motivazione a leggere in modo indiretto e (…) evitare di associare il concetto di lettura al concetto di compito, di attività scolastica, di costrizione. Proprio per questo, io consiglio sempre agli insegnanti di non definire la lettura “attività scolastica”, “attività di lettura”, “attività sul libro”, ecc. ma solo “lettura”, perché il bambino è un intuitivo e associa facilmente i termini “lettura” e “costrizione”.

 

Il brano è tratto dall'intervista a Cesare Cornoldi presente nel numero 56 di Psicologia e scuola. Per leggerla interamente clicca qui!

 

Scopri il Sussidiario dei linguaggi per il secondo biennio A SCUOLA SI LEGGE! con la Direzione scientifica di Cesare Cornoldi.
 

21 Marzo 2018 Didattica, Motivazione

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola