E se l’integrazione fosse semplice normalità? Videolezione della Prof.ssa Lucangeli

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [J9LGXJ4S] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [CVSPRZJF] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [PSXQG1WQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

E se l’integrazione fosse semplice normalità? Videolezione della Prof.ssa Lucangeli

Che cosa significa “integrazione”? Che cosa “normalità”? E se l’integrazione fosse semplice normalità? Il parere della Prof.ssa Daniela Lucangeli, in occasione del IV Convegno Nazionale “In classe ho un bambino che…” (Firenze, 6/7 febbraio 2015)
Schermata 2017-10-23 alle 10.36.53

La Professoressa Daniela Lucangeli

Daniela Lucangeli, Professoressa di Psicologia dello sviluppo presso l'Università degli Studi di Padova e grande esperta di Psicologia dell'apprendimento, spiega che l'integrazione, all'interno degli organismi, è normale e necessaria. Nel corpo umano, infatti, «se non c’è integrazione tra le sue funzioni, c’è malattia e morte». Poiché la scuola è un organismo sociale, «ogni elemento che non è integrato rappresenta una debolezza nell’intero organismo, e può essere etico cominciare a pensare in questo senso». 

È nella normalità che stanno tutte le differenze, dunque l'integrazione non dovrebbe essere una teoria, né una norma, né un'imposizione: «fa parte della struttura interna del nostro funzionamento, con consapevolezza e con rispetto della differenza come risorsa».

 

 

 

Altre interviste e videolezioni della Professoressa Daniela Lucangeli:

Emozioni e apprendimento

Sviluppare al massimo le proprie potenzialità

«L'errore è uno dei capisaldi della vita»

Intelligenza numerica: sviluppo e/o apprendimento?



 

23 Ottobre 2017 Apprendimento, Emozioni, Integrazione

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola