Il piacere di essere insieme

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [G275B2CD] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [BSPYVG6B] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [QV5S838F] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
La qualità delle relazioni tra gli adulti è la prima garanzia per consentire benessere ai bambini: sono gli stessi genitori che, oggi più che mai, hanno necessità di trovare negli educatori un punto di riferimento. Di Anna Lia Galardini

Nel nido la qualità delle relazioni tra gli adulti è la prima garanzia per consentire benessere ai bambini e coinvolgere le famiglie in un rapporto di fiducia. Un clima sociale positivo si respira e contagia. Nasce dalla capacità degli educatori di avere un comportamento empatico e sensibile in grado di esprimere prima di tutto il piacere di essere insieme. Ci sono scelte imprescindibili da praticare nel gruppo educativo: il dialogo e l’ascolto, il fidarsi e l’affidarsi all’altro, la volontà di valorizzare le occasioni di confronto e di collaborazione.

Una buona socialità interna al nido si espande con esiti positivi sulle famiglie e si manifesta nelle diverse occasioni che scandiscono la vita del bambino tra la casa e il nido. Certamente è necessario partire dall’accoglienza quotidiana e dai contatti individuali, affrontati con cordialità e disponibilità di gesti e parole, per poi valorizzare momenti più allargati come lo stare insieme per fare qualcosa di utile per arricchire il servizio. Sono queste occasioni che esprimono il valore delle risorse che ha l’appartenenza a una comunità.

Bisogna avere la disponibilità di dedicarsi ai genitori che, oggi più che mai, hanno necessità di trovare negli educatori un sostegno e un punto di riferimento.

Il filo relazionale che lega insegnanti e genitori è l’elemento che determina il desiderio di essere partecipi nel servizio per dare un contributo che va oltre l’interesse esclusivo per il proprio bambino. Incoraggia i genitori a stabilire anche tra loro la voglia di conoscersi, di condividere momenti del tempo libero. E tutto ciò aggiunge valore al clima sociale del servizio, aumenta le connessioni tra le due realtà, la casa e il nido, offre ai bambini buoni esempi di socialità positiva. 

Sfoglia il numero 4 di Nidi d'Infanzia

 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Anna Lia Galardini: 25 Febbraio 2019

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola