Bonus nido, al via la possibilità di presentare domanda

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [WG9AWTQ2] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [SBK2EN5G] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [CK4PD7WZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Bonus nido, al via la possibilità di presentare domanda

L'Inps nel triennio 2019-2021 potrà erogare un contributo ai genitori fino a 1500 euro annui, suddivisi in undici rate

Al via oggi, lunedì 28 gennaio 2019, la possibilità per i genitori di poter accedere al Bonus Nido che l’Inps eroga per contribuire al pagamento delle rette o per l’assistenza domiciliare ai bambini con cronicità.

La legge di bilancio 2019 ha incrementato il bonus fino a 1500 euro per il triennio 2019-2021, erogabile in 11 mensilità per un massimo, a rata, di 136,27 euro. Ovviamente il contributo mensile erogato dall’Istituto non può eccedere la spesa sostenuta per il pagamento della singola retta.

I genitori che vorranno presentare domanda sono tenuti ad allegare la documentazione che comprova il pagamento almeno della retta relativa al primo mese di frequenza per cui si richiede il beneficio oppure, nel caso di asili nido pubblici che prevedono il pagamento delle rette posticipato rispetto al periodo di frequenza, la documentazione da cui risulti l’iscrizione. Per i bambini affetti da patologie croniche che impediscono di frequentare il nido, dovrà invece essere allegata una dichiarazione rilasciata dal pediatra di libera scelta.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell’Inps.

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola