“Miti scolastici”, sesta parte: i compiti a casa

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [V11CVRJI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [798TF5SA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [84L9UEL7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

“Miti scolastici”, sesta parte: i compiti a casa

I bambini riescono a farli da soli? Avranno un feedback dall'insegnante? Prima di schierarsi "pro" o "contro" i compiti, forse c'è qualcosa da approfondire. Di Mario Maviglia 

bambino ragionamento compiti scuola

I compiti a casa sono talmente connaturati all’esperienza scolastica da essere considerati una sorta di assioma pedagogico: la loro giustificazione è intrinseca al loro stesso esistere, non hanno bisogno di alcuna dimostrazione in quanto evidenti di per sé.

Questo approccio ingenuo al tema in questione è parimenti condiviso tanto dalle famiglie degli alunni quanto dai docenti. Talvolta, anzi, la quantità di compiti assegnati per casa è considerato indice della serietà dell’intervento didattico. Sfuggono a questa visione alcune criticità che ne minano alla base la supposta intrinseca bontà.

A che cosa fare attenzione

Innanzi tutto non è dato conoscere, nella stragrande maggioranza dei casi, le condizioni in cui vengono svolti i compiti a casa (da soli, in compagnia di qualcuno, con l’attiva partecipazione/aiuto/interferenza di qualche parente ecc.), non essendo considerato importante questo dato, anche se è invece tenuto fortemente sotto controllo durante le canoniche attività scolastiche.

In secondo luogo, per ragioni di tempo, non sempre vi è – da parte del docente - un adeguato feedback sui compiti svolti a casa dal bambino, inficiando in questo modo il valore stesso dell’esercizio.

Vi sono poi altri aspetti che a ben vedere assumono forme di paradossalità: se i compiti da svolgere a casa hanno a che fare con contenuti scolastici che il bambino non ha capito nel corso delle ordinarie attività didattiche, come può svolgerli adeguatamente in forma autonoma? E d’altro canto, se li ha capiti, l’assegnazione di ulteriori compiti da svolgere a casa appare una decisione ridondante, se non addirittura inutile.

E se invece dei compiti...

Va inoltre rimarcato che poco frequentemente vengono assegnati come “compiti” esperienze che il bambino può vivere all’esterno della scuola e che possono costituire oggetto di discussione, confronto e approfondimento durante le attività scolastiche. Ci riferiamo a compiti “aperti”, da svolgere magari insieme a qualche familiare, e che hanno lo scopo di sollecitare la curiosità del bambino e di mobilitare le sue energie cognitive.

Libri e sperimentazioni

Per tutti questi motivi si sta sviluppando un movimento d’opinione che tende a problematizzare il mito scolastico dei compiti a casa. Già nel 2012 Maurizio Parodi aveva pubblicato il testo “Basta compiti! Non è così che si impara” (Edizioni Sonda). E recentemente è stata avviata una sperimentazione in una scuola milanese che prevede di non assegnare compiti a casa.
Sarà interessante leggere i risultati di tale esperienza per avere a disposizione ulteriori elementi di riflessione.

 

  

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola

  • avatar

    aalicia

    6:5, 27 Aprile 2020
    Assignment help most students are actively and constantly searching for assignment writing, regardless of their academic level. Students who lack knowledge and skills to develop proper assignment writing fears hearing the writing of word assignments. Online assignment help is all you need to relieve the tension in these circumstances. By that point, the writing of the assignment is just what you need. They provide 100 per cent positive outcomes to customers, including providing expert advice and services. We offer top service assignment help Australia by 1000+  native experts with record of on time delivery. Get your Assignment done online for any subject assignment. Securing high grades made easy withassignment help.