Registro elettronico e voti “in vista”

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [KHNCCR13] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [I9DGJ4CN] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [7HSICH1J] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
bool(true)
string(2) "-3"
int(-3)

Uno strumento utile che non può comunque sostituire il dialogo educativo. Di  M. Concetta Messina

registro elettronico

All’inizio di quest’anno scolastico ho ricevuto una mail da un gruppo di genitori dove mi si invitava molto cordialmente a ragionare circa “la possibilità di aprire il registro elettronico ad un utilizzo più funzionale”.
Tradotta, la premessa si declinava subito dopo in una serie concreta di richieste tra le quali quella principale di poter visionare i voti in itinere di ogni alunno relativi alle singole discipline.

Ogni cosa a suo tempo...

Quando presi servizio nella scuola dove tutt’ora lavoro, sei anni fa, il registro elettronico non era ancora una realtà. Nonostante le ansie da neodirigente e il fatto che quasi tutte le scuole di Roma stessero sperimentando da un po’ il nuovo strumento, cercai di ragionare col buon senso. La scuola non era ancora dotata di una rete internet sufficientemente efficace che consentisse un agile uso del registro e non tutte le aule disponevano di un pc. Condizioni a mio avviso entrambe imprescindibili, senza le quali il mezzo digitale avrebbe comportato per gli insegnanti un significativo dispendio di tempo e un ulteriore carico di lavoro a casa. Portai le mie remore in collegio dei docenti e in quella sede decidemmo assieme di optare per la calma e di aspettare che i tempi fossero più maturi.

… e a suo modo

Solo lo scorso anno, con aule ormai attrezzate, ci cimentammo nell’impresa; stabilimmo però anche che il registro elettronico non dovesse sostanzialmente distanziarsi dal suo recente antenato cartaceo. La nuova agenda avrebbe dovuto ancora consentire al docente di annotare, apporre riflessioni, rivedere ed eventualmente anche modificare dati già inseriti. Questo, nella consapevolezza che valutare gli alunni è un mestiere di fine cesello, paziente e faticoso, che non dovrebbe limitarsi ad una mera somma di risultati.

Dialogo prima di tutto

Lo sguardo del docente sull’alunno non è circoscritto ad alcuni momenti (i momenti di “verifica”) ma è uno sguardo quotidiano. È un’attenzione continua ad una pletora di aspetti difficilmente incasellabili in una scala numerica. I maestri osservano atteggiamenti, caratteristiche, stili, particolarità, attitudini, insofferenze, difficoltà e tanto altro. Tutte cose che connotano il percorso di crescita dell’alunno in una dimensione globale e dinamica. Quella appunto da comunicare alle famiglie nel modo più chiaro possibile, verbalmente, discorsivamente, attraverso incontri periodici che fungano anche da confronto di idee e di punti di vista.
Per quanto utile e ben fatto, il registro elettronico è uno strumento comunque asettico, che non può sostituirsi al dialogo educativo con le famiglie e che rischierebbe, se completamente accessibile ai genitori, di costituire un deterrente alla più efficace comunicazione “diretta”e di fornire una visione riduttiva degli alunni. Noi abbiamo scelto il dialogo… Quanto ai voti, solo in pagella a fine quadrimestre!

 


 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola