La prima stella. Valgrande ’44

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [4ZUJ55FT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [XMNQGAGW] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [W7T72L6H] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
Petter_La prima stella.jpg

Guido Petter, La prima stella. Valgrande ’44, Milano, Interlinea, 2011.

Romanzo postumo dello scrittore e pedagogista Guido Petter (Colmegna di Luino, 1927-Dolo, 2011), La prima stella prende spunto da un’esperienza politica e umana dello stesso autore, già versata in altri libri per adulti e per ragazzi: la partecipazione alla Resistenza come partigiano nella decima brigata Garibaldi “Rocco”.

Un gruppo di adolescenti vive l’estate del ’44 nei pressi di Intra. Le giornate sono scandite dal coprifuoco e dalle ronde dei repubblichini; assumono colori ancor più foschi quando sui monti della Valgrande inizia l’operazione di rastrellamento culminata negli eccidi nazifascisti di Fondotoce e Baveno (a fondo volume un’appendice documentaria ricostruisce fasi e conseguenze di questi episodi).

Con sguardo delicato su luoghi e figure, e al contempo assai vispo sul piano della storia e dell’etica, Petter registra la progressione di violenza cui sono sottoposti gli affetti e le certezze dei protagonisti. Mostra come giovani menti, pur vessate dal dubbio, possano trascorrere dal semplice disappunto, o dolore, per i fatti in corso, alla riflessione su questi ultimi, all’impegno civile.

13 Settembre 2011 In libreria

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola