Capitombolo sulla terra

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [Y864FIZ6] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [WUBQAKGR] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [SAJ2SJ2U] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Chi è Ratapulta e perché con la sua mongolfiera si è fermata proprio sulla statua del cavallo col cavillo, nella piazza di Vinnicotto? L'autrice Anna Sarfatti legge per i bambini un assaggio del suo romanzo "Capitombolo sulla terra".

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Entra Non sei ancora registrato? Fallo ora!
Copertina capitombolo sulla terra

Chiunque lei sia e qualunque sia la sua provenienza, i bambini del paese la accolgono cantandole un allegro benvenuto. E’ l’inizio di un’amicizia, non condivisa però da molti adulti, anche perché Ratapulta un po’ di scompiglio lo porta con le sue magie non sempre riuscite. Per amore dei bambini e per conquistare la benevolenza di chi la guarda con sospetto, decide allora di accompagnare tutti in un incredibile viaggio in tre tappe: Luna, Duna, Laguna.
Al termine del viaggio, tutti si troveranno arricchiti dalle esperienze vissute, e lei per prima. Ma proprio quando lei appare completamente integrata, avverte il richiamo del suo pianeta di origine, Fisfin, e del suo anziano maestro, Cos.“Non c’è rosa senza spine, non c’è storia senza…” Così termina il racconto, suggerendo al lettore la possibilità di immaginare nuove avventure.

E’ un racconto giocoso, in cui anche le parole partecipano al gioco, che sottolinea l’importanza del coraggio, della generosità, dell’autenticità.

Anna Sarfatti:

Scopri di più

Anna Sarfatti: 5 Agosto 2016 In libreria

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola