Coding alla primaria, 70 milioni in arrivo

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [LXW7VM1T] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [NG4B1IUY] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [KGKKKRVI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Il Miur annuncia le risorse disponibili per l’insegnamento del pensiero computazionale nella scuola primaria. I bandi usciranno dopo il 20 novembre. 

coding

Per l’inserimento del coding nella scuola primaria sono stati annunciati stamattina ad ABCD-Salone italiano dell’educazione 70 milioni di fondi PON.
Sabrina Bono, capo dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali del Miur, ha spiegato che sarà garantito l’insegnamento del pensiero computazionale nella scuola primaria; le risorse disponibili copriranno il 100% del fabbisogno nel centro sud e il 60% nella scuole del nord. Il restante 40% per cento potrà essere coperto con accordi con le singole Regioni.
I bandi usciranno dopo il 20 novembre.

Bono ha ricordato l’uscita a breve dei risultati dei bandi per gli atelier creativi nella scuola primaria, 3334 domande pervenute, per 28 milioni di fondi da destinare a 1.860 scuole e dei bandi per le biblioteche scolastiche innovative, 5 milioni da destinare a 500 scuole. Tra gli sviluppi futuri del Piano Nazionale Scuola Digitale, la creazione di un’unica piattaforma per gli 8mila animatori digitali italiani destinata allo scambio di materiali ed esperienze e l’integrazione tra PNSD e Piano Nazionale delle Formazione, il piano da 325 milioni di investimenti che riguarda nove priorità tematiche: dal digitale alle lingue, dall’alternanza scuola lavoro all’inclusione, alla prevenzione del disagio giovanile, all’autonomia didattica.

15 Novembre 2016 Dal Miur

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola