Cambia il "tema" d'esame a fine primo ciclo: documento di Fedeli e Serianni

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [I48Y73Y6] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [1SKYXYTK] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [7ZDJIZMD] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Cambia il "tema" d'esame a fine primo ciclo: documento di Fedeli e Serianni

Testo narrativo o descrittivo; testo argomentativo; comprensione e sintesi di un testo: il documento di orientamento.

ruolo_gruppo_preadolescenti.jpeg

Come cambia la prova d'italiano a fine primo ciclo? Il tema d'esame di terza media è ora sostituito da tre tipologie di prove in cui si articola la prova scritta d’italiano al termine del I ciclo: testo narrativo o descrittivo; testo argomentativo; comprensione e sintesi di un testo, anche mediante richiesta di riformulazione. Presentato al Miur il 16 gennaio dalla ministra Fedeli e dal professor Serianni il documento d'orientamento; il testo è frutto del lavoro di un’apposita commissione di esperti guidata dal noto linguista Serianni e composta da Massimo Palermo, ordinario di Linguistica italiana all’Università per stranieri di Siena, Nicoletta Frontani, docente di Lettere presso il liceo classico “Augusto” di Roma, Antonella Mastrogiovanni, docente e collaboratrice dell’INVALSI (Istituto Nazionale di Valutazione del Sistema di Istruzione), Carmela Palumbo, Capo del Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali del MIUR.

Scarica il documento del Miur 

17 Gennaio 2018 Dal Miur

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola