Quarant'anni senza Gianni Rodari

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [WBWDRJXM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [Y9ESW1G8] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [QHB3DFNT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Video, libri e testimonianze per ricordarlo e per rileggerlo 

gianni rodari

Gianni Rodari moriva quarant’anni fa, il 14 aprile 1980. Mai come in questi tempi abbiamo bisogno di lui. E non bastano le filastrocche, non bastano i libri che hanno cambiato tutto come La grammatica della fantasia. Abbiamo bisogno di "frequentarlo" e di seguire i suoi pensieri che sono sempre aria fresca in questo momento di scuole chiuse e bambini tra quattro mura. 

Il suo discorso in occasione del conferimento del premio Andersen (aprile 1970) parla di gatti, del padre fornaio, di scienza e immaginazione, di fiaba come luogo di tutte le ipotesi e di bambini:  

 

 

"Nessuno possiede la parola magica: dobbiamo cercarla tutti insieme, in tutte le lingue, con modestia, con passione, con sincerità, con fantasia; dobbiamo aiutare i bambini a cercarla, lo possiamo anche fare scrivendo storie che li facciano ridere: non c’è niente al mondo di più bello della risata di un bambino. E se un giorno tutti i bambini del mondo potranno ridere insieme, tutti, nessuno escluso, sarà un gran giorno, ammettetelo..." Leggi tutto il testo del discorso

 

Per leggere e rileggere Gianni Rodari 

Rai Scuola ha dedicato uno speciale a Gianni Rodari: La lezione di Gianni Rodari 

In questo video Gianni Rodari racconta come è nata l'idea della torta in cielo 

L’ottimismo cosmico di Gianni Rodari di Vanessa Roghi (il manifesto

Cento anni di Rodari: ma quanto Rodari c’è oggi nella scuola? Beniamino Sidoti dialoga con Pino Boero (Il Mignolo)

Usare la fantasia seguendo Gianni Rodari di Silvana Loiero

Dall'archivio di La Vita Scolasticadi Silvana Loiero:

Gianni Rodari e le favole addormentate: il nonsense 

Gianni Rodari e le favole addormentate: la "Fantastica casalinga"

Gianni Rodari e le favole addormentate: la gastronomia

Gianni Rodari e le favole addormentate: le "materie fantastiche"

 

Speciale Raiplay Radio Gianni Rodari 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

14 Aprile 2020 News

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola