Versi e immagini di Toti Scialoja

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [1S2MKEYI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [11FSMJCS] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [CWUNMM3Q] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

In corso al Macro di Milano una mostra sul pittore e poeta Toti Scialoja (1914-1998), che pubblicò molti libri di filastrocche e poesie illustrate per bambini. Ne abbiamo parlato con Eloisa Morra, autrice di un saggio su Scialoja

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Entra Non sei ancora registrato? Fallo ora!
    Tre per un topo

    Tre per un topo, un albo consegnato da Scialoja alle due nipotine Barbara e Alice nel 1969 e recentemente pubblicato, in occasione del centenario della nascita dell'autore.

    Puoi raccontare ai nostri lettori chi era Toti Scialoja?

    Toti Scialoja era un visionario dai molti talenti che ha attraversato tutto il novecento con “leggerezza pensosa”. Nasce nel 1914 in una famiglia dell'alta borghesia romana, composta perlopiù da giuristi ed accademici, ma già a vent'anni lascia l'università per seguire le sue due grandi passioni, la letteratura e la poesia. Due amori, e due talenti, che non vanno però di pari passo: Scialoja approda alla pittura solo sul finire del 1939, dopo una cocente delusione che lo porterà ad abbandonare l'arte poetica per qualche decennio. A inizio anni Cinquanta lo ritroviamo a New York, dove ha la possibilità di conoscere i maggiori esponenti dell'Action Painting americano, e di farsi mediatore tra quell'ambiente artistico d'avanguardia e l'Italia.
    L'inizio degli anni Sessanta lo vede fronteggiare una seconda crisi, stavolta pittorica: ed è da lì che nascono i nonsense illustrati inviati senza molto pensare al nipotino James Demby nel 1961. È la sua rinascita come poeta, testimoniata da bellissimi libri per bambini e adulti pubblicati negli anni Settanta per Bompiani ed Einaudi. Ed oltre a questa doppia vocazione Scialoja è stato scenografo, critico d'arte, insegnante all'Accademia di Belle Arti di Roma (un percorso ricostruito da 100 Scialoja. Azione e pensiero, ovvero la retrospettiva in corso al Macro proprio in queste settimane). Insomma, un artista a tutto tondo che vale davvero la pena di riscoprire.

    Scialoja dunque ha avuto contatti molto intensi col mondo dell'infanzia… ci sono dei suoi testi che consiglieresti particolarmente a chi lavora con i bambini della scuola dell'infanzia e primaria?

    Sì, certamente, consiglio senz'altro i testi che compongono i primi libri nonsense, da Amato topino caro a Una vespa! che spavento. Sono storie che hanno come protagonisti gli animali, ma si distanziano del tutto dalle classiche fiabe (e annessa morale): nascono infatti dal combinarsi delle allitterazioni e delle rime, piuttosto che svilupparsi secondo la logica tradizionale.
    "Topo, topo / senza scopo / dopo te / cosa vien dopo?": sono versi di una musicalità straordinaria, e (qui mi riferisco a un'esperienza personale, visto che li ho letti insieme ai miei nipoti) i bambini ne rimangono talmente affascinati da impararli a memoria senza particolare sforzo. È molto buffo sentirli pronunciare delle parole difficili o letterarie (secchia, proto, etc.), solitamente introvabili in altri tipi di filastrocche; questo perché Scialoja si rivolgeva direttamente a un doppio pubblico, di bambini ma anche di adulti... Dunque presentarli in classe sarà un doppio divertimento, per i piccoli alunni e per i maestri!

    Che cosa pensava Scialoja della scuola? E dei bambini?

    Scialoja ricordava sempre che a scuola lo obbligavano a imparare a memoria le poesie del nostro canone, da Leopardi a Carducci a Pascoli, e lui detestava questo processo forzato. Proprio da un moto di ribellione verso la scuola intesa in senso tradizionale aveva iniziato a scrivere le sue prime strofette comiche, a dieci anni. Ma il bello è che molti anni dopo, nei suoi nonsense, sarebbe ritornato con nostalgia proprio a quei versi imparati a memoria durante l'infanzia, creandone delle rielaborazioni giocose che mimano gli inciampi della memoria, come nel famoso episodio di Alice nel Paese delle Meraviglie. Così il Bove di Carducci viene alleggerito nel distico "T'amo, pio bue! / Anzi, ne amo due", il passero solitario si tramuta in una "cornacchia che sonnecchia nella nicchia / della torraccia vecchia. E non si impiccia", mentre la neve che continua a fioccare in Orfano di Pascoli diviene una lepre che "in fretta bruca bruca bruca"... Quindi paradossalmente è proprio dalle prime memorie scolastiche, e in particolare da quei classici oggi spesso letti stancamente, che Scialoja trae linfa vitale per la sua poesia.
    Riguardo al suo rapporto con i bambini da molte interviste (e dalle testimonianze di chi gli è stato vicino a lungo) si intuisce l'inaspettato: Scialoja non li amava particolarmente; piuttosto, gli piaceva l'idea di ritornare alla sua propria infanzia attraverso la poesia. Ma forse l'aspetto più interessante è che per Toti il bambino non è un essere innocuo e pacifico, tutt'altro: è un intellettuale in miniatura dotato di grande immaginazione, che come tale vive momenti profondi di attesa, di vuoto, di angoscia... Proprio per questo le poesie nonsense non sono mai dolciastre o moralistiche, anzi, tendono a liberare il linguaggio dal peso del senso comune e nascondono sotto l'apparente leggerezza un sottile velo di malinconia.

    Ti chiediamo un ultimo regalo: scegliere per i nostri lettori e i loro alunni e bambini un disegno dell'autore e commentarlo brevemente.

    Ne ho scelto uno che avrebbe dovuto illustrare una delle poesie più famose di Toti Scialoja: "Il sogno segreto / dei corvi di Orvieto / è mettere a morte / i corvi di Orte".
    Dico "avrebbe dovuto" perché non è stato incluso nei libri illustrati ed è rimasto per lungo tempo inedito.

          

    Come vedete è un disegno ingenuo, il corvo è rappresentato nelle sue semplici caratteristiche, senza nessun tipo di arzigogolìo stilistico. Ma è interessante che Toti abbia pensato di far appollaiare l'animale sulla scritta "Orvieto", quasi a darci un indizio per risolvere l'enigma della genesi delle sue poesie. Che nascono sempre da una simultaneità: prima del soggetto-immagine della storiella viene la parola, e la parola stessa viene considerata in quanto immagine, aggregato di simboli, prima ancora che portatrice di un significato... Il segreto dei segni e dei disegni di Toti è tutto qui, in quest'alchimia.

    Eloisa Morra: 2 Aprile 2015 Articoli

    Condividi:

    Commenti

    Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
    Entra in Giunti Scuola