Social reading: promuovere in classe buone pratiche di "Twletteratura"

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [GPUIPC82] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [6Y6QA3JB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [Z4RSQL6W] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Social reading: promuovere in classe buone pratiche di "Twletteratura"

L'utilizzo del nuovi media e delle tecnologie per sperimentare nuovi percorsi di comprensione del testo e apprendimento: un percorso che nasce dalla lettura del libro "Ragazze con i numeri" di Roberta Fulci e Vichi De Marchi. Di Giulia Falcone

ragazze con i numeri fulci de marchi

Parlare di social reading nella scuola primaria presuppone la certezza di incontrare docenti pronti a sperimentare nuovi percorsi, convinti sostenitori della lettura a scuola, protagonisti dell’insegnamento cooperativo ed emotivo. Insegnanti che condividono la passione per l’insegnamento di tipo innovativo e che, nel caso dell’IC di Cerisano hanno condotto una metodologia quinquennale per competenze disciplinari e trasversali, classi parallele ed aperte basate sulla logica dell’apprendimento inclusivo, laboratori, uso di nuove tecnologie e apertura verso i nuovi media. Riconoscere la buona pratica di Twletteratura è stato semplice, #Ragazzetw -  la lettura social di Ragazze con i numeri di Roberta Fulci e Vichi De Marchi per Editoriale Scienza.

Un elemento propulsivo, casuale ma determinante per l’avvio: in marzo – mese STEM - la presentazione del libro di Editoriale Scienza all’Unical e la partecipazione attiva all’evento di una piccola delegazione di alunne e insegnanti che, dopo aver conosciuto e ascoltato Roberta Fulci hanno potuto interagire parlando con lei. La conoscenza diretta degli autori è un valore aggiunto, rende vitale il processo: le alunne presenti hanno prodotto in real time un notes completo di testo e immagini.

Il progetto

La proposta della lettura condivisa è avvenuta in modo classico e mediante la piattaforma Betwyll. Le quattro biografie scelte dal contest si sono naturalmente calate nella programmazione e si sono declinate in un insieme di punti significativi e volti al successo formativo di tutti. La partecipazione condivisa ha reso motivante il raggiungimento di un risultato sempre più gratificante, ancora più incisivo perché riconosciuto dall’intera comunità: quella scolastica, i genitori, la community, il social reading, gli utenti twitter. I feedback che gli alunni hanno colto nel ricevere le risposte del social hanno contribuito a delineare il piacere di essere presenti e di pubblicare lavori interessanti: l’innalzamento delle risposte in termini di quantità e di qualità ne è, senza dubbio, la prova. Le modalità d’apprendimento:

  1. La scrittura/elaborazione: ri-scrivere su un testo è un dare forma alla comprensione personale. Una sintesi, un riassunto, una frase significativa sono un commento di valore rispetto al pensiero che ho letto o che ho ascoltato. È per questo che i testi sono stati utilizzati come materiale attivo anche per la composizione di analisi grammaticale e logica.
  2. L’elaborazione della scrittura: in tal senso sono definiti tutti gli elaborati creativi di commento al testo. I ragazzi utilizzano materiali, spazi, tecniche per assemblare in modo creativo. Il lavoro personale appartiene a chi l’ha fatto e, in questo, somiglia all’artefice: l’identità e la competenza escono in modo predominante rispetto ad un lavoro che è un unicum significativo, ha una valenza complessiva.
  3. La narrazione e l’esposizione orale: la presentazione, l’approfondimento. Ogni testo ha contesti diversi che creano nuovi testi, ipertesti. Nuove linee di condotta: i ragazzi organizzati a coppie o in gruppi hanno determinato la ricerca anche in flipped classroom con opere multimedia da presentare in classe con l’ausilio della Lim.

Il Tweet è postato con la complicità dei ragazzi. I testi da ricopiare sono stati trascritti sul Twpaper del metodo Twletteratura, un buon metodo per visualizzare spazio e caratteri lontani dal quaderno. Dall’analisi dei messaggi è possibile tracciare un’evoluzione: dai primi molto didascalici o molto prolissi passando per le citazioni del testo con un commento, citazioni di autori ricondotti in confronto o in parallelo con le idee da presentare, commenti di tipo argomentativo. Concetti di estetica, etologia, ecologia, fisica, scienze sono stati ricondotti alla ricerca di un impegno sensoriale ed emotivo, artistico e relazionale nell’ambito di una riflessione critica, di un’indagine logica o di una produzione creativa sul mondo circostante.

Clicca qui per visualizzare un'ampia galleria fotografica.

Il team dei docenti che ha lavorato sul progetto e che ha condiviso didattica e metodologia, è formato da Giulia Falcone e Carmelo La Neve. L’Istituto Comprensivo di Cerisano è in provincia di Cosenza, la dirigente è la dottoressa Concetta Nicoletti.

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Giulia Falcone: 4 Aprile 2019 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola