Il costo dei nidi pubblici

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [4EUE5RJ6] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [2QCGQMJ8] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [95ZQBHBI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

8 asili nido al costo di 480 euro a bambino: la protesta a Roma, una riflessione di Carla Ida Salviati.

Il costo dei nidi

Il costo nidi pubblici non è un problema dell’ultimo minuto; degli scorsi giorni è invece la girandola di proteste innescate a Roma da un bando di gara non rispettoso dei Contratti Collettivi di Lavoro. Quanto si è disposti a spendere per il nido? Quali gli effetti della privatizzazione dei servizi per l'infanzia? E che fine faranno i nidi comunali? La riflessione di Carla Ida Salviati.

Leggo molte proteste per le rette elevate dei nidi in vari Comuni. Ma leggo anche quella di un Cooperativa costretta a ritirarsi dal bando del Comune di Roma perché il tetto proposto per bambino "non consentirebbe di avviare regolari contratti per lavoratori qualificati". Un bando al ribasso.

Ancora una volta ci troviamo tra l'incudine e il martello: o spendiamo tanto - e comunque in maniera 'non sempre giusta', visto che le rette poi dipendono dalla dichiarazione dei redditi... - o spendiamo poco ma sappiamo che il livello professionale richiesto per i piccolissimi è quello di un inserviente o poco più.

Un bel dilemma per le famiglie, un bel quesito per i Comuni. E una vera spada di damocle per i servizi all'infanzia, dove da ogni parte si comincia ad invocare l'intervento dei privati, recitando il requiem per i nidi comunali di eccellente qualità, ormai ricordo solo del passato.

  

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola