Cultura e pedagogia

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [4N9WQMQU] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [7M6PTHAP] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [7SUHJQD9] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Il bello della differenza

I bambini fanno la differenza. Un video di Bruno Bozzetto.

20 Novembre 2013

Italiano L2: una meta ancora lontana?

Insieme a SesamOnline, nasce un mondo denso e critico di guardare all'oggi della scuola multiculturale. Nuove Indicazioni, cattive definizioni e buone pratiche dell'Italiano L2 in un'esclusiva video-intervista a Maria Cristina Peccianti. 

Scuola e famiglie adottive: dire, fare, raccontare

Come la scuola può parlare e collaborare con le famiglie adottive? Ne abbiamo parlato con Monya Ferritti, presidente dell’associazione GenitoriChe Onlus e autrice per Giunti del volume "Il momento tanto atteso" (2011). 

Intervista a Maria Cristina Peccianti

Maria Cristina Peccianti ci aiuta a capire le indicazioni sulla Guida per lo sviluppo e l’attuazione di curricoli per una educazione plurilingue e interculturale

A scuola nessuno è straniero? Lo stato dell’arte

Carla Ida Salviati intervista Graziella Favaro su scuola italiana, multicultura, intercultura e convivenza. Il punto sulle questioni "di contesto".

Carla Ida Salviati: 13 Febbraio 2012

Raccontare l'immigrazione

Lorenzo Luatti, ricercatore dei processi migratori e delle relazioni interculturali presso il Centro di Documentazione Città di Arezzo e Oxfam Italia, ci parla di "L’immigrazione raccontata ai ragazzi": una mostra, un catalogo, un viaggio nell'editoria per bambini e per...

Elena Frontaloni: 11 Febbraio 2012

L'avventura di una rivista: “Sesamo. Didattica interculturale”

Carla Ida Salviati, direttore di "La Vita Scolastica", "Scuola dell'infanzia" e "Sesamo" ci parla di quest'ultima rivista: nata dieci anni fa e, oggi come allora, proiettata verso il futuro della scuola.

10 Febbraio 2012

Meglio di quel che dicono: la scuola italiana tra multicultura e intercultura

Vinicio Ongini ci parla di multicultura e intercultura nelle classi italiane, e ci racconta una scuola migliore rispetto a come solitamente viene presentata. 

Elena Becattini: 10 Febbraio 2012

Il curriculum plurilingue

Graziella Favaro, pedagogista ed esperta di intercultura, ci illustra il nuovo documento europeo sul curriculum plurilingue.

03 Febbraio 2012

Io sono Nada e vivo in Marocco

Costruiamo un laboratorio “esplorativo” con la classe insieme a una bambina curiosa che vive a Marrakech.

Le differenze religiose e ideologiche

Le religioni (e le ideologie intese come discorsi sul mondo e sul ruolo dell’uomo in esso) sono fenomeni che non possono non essere affrontati in una scuola laica, nello spirito del dialogo e del conflitto nonviolento.

Il tetto del 30% per gli alunni stranieri. Il pericolo di una lista di proscrizione

Il parere di Silvana Loiero sul tetto del 30% stabilito dalla Circolare Ministeriale n. 2 dell’8 gennaio 2010, relativa alla presenza dei bambini stranieri nelle classi. Anziché favorire la creazione di una scuola dove la molteplicità culturale sia incorniciata...

Silvana Loiero: 30 Agosto 2011

Il tetto del 30% per gli alunni stranieri. Soluzioni mirate contro i silenzi

Il tetto del 30% stabilito dalla Circolare Ministeriale n. 2 dell’8 gennaio 2010, relativa alla presenza dei bambini stranieri nelle classi, ha fatto molto discutere. Graziella Favaro analizza la circolare, rintracciandovi valutazioni poco realistiche, storture concettuali e gravi lacune...

Le religioni "altre"

La scuola deve affrontare il discorso sulla differenza religiosa a partire da contenuti corretti, tenendo tra l'altro il filo dell'attualità. Occorre pertanto puntare sul criterio della non violenza, mettere in crisi pregiudizi e stereotipi, valorizzare esperienze di dialogo tra...

Raffaele Mantegazza: 29 Agosto 2011

Religioni a scuola: un glossario minimo

Come affrontare a scuola il tema della differenza religiosa? Occorre anzitutto partire da definizioni precise. 

Raffaele Mantegazza: 29 Agosto 2011

Paesi ricchi e paesi impoveriti (la storia dell'arachide)

La povertà oggi è soprattutto fuori d’Europa, anche se vi penetra attraverso il fenomeno delle migrazioni. Occorre però stare molto attenti a non presentare l’Africa come continente povero: in realtà quello africano è il più ricco tra tutti i...

Raffaele Mantegazza: 29 Agosto 2011

Come parlare di povertà a scuola

In un società sempre più fondata sulle ingiustizie economiche e sociali, la scuola è chiamata dalla Costituzione a operare in controtendenza, a partire dalle strutture e dalle scelte che condizionano la sua quotidianità.

Raffaele Mantegazza: 29 Agosto 2011

Moda, gusto e intercultura nella Scuola primaria

Nel periodo della scuola primaria bambini e bambine esibiscono con forza i propri gusti. Compito dell'educatore è far sì che, nell'espressione del gusto da parte del ragazzino, il desiderio di autoaffermazione e quello di appartenenza al gruppo dei coetanei...

La quotidianità come mappa

È nella vita quotidiana che si manifestano le differenze culturali, in quei tratti del nostro vivere che ci capita di dare per scontati ma che diventano essenziali pensando a un’educazione che sia davvero aperta e interculturale. 

Raffaele Mantegazza: 29 Agosto 2011

Confrontarsi col progetto migratorio

La felicità dell’incontro fra il bambino italiano e il bambino immigrato può essere favorita dall’insegnante tramite l’illustrazione di cause, conseguenze, difficoltà e modi concreti del progetto migratorio. In particolare, è necessario porre le basi per un sentimento di positivo...

Raffaele Mantegazza: 29 Agosto 2011

Etnia, cultura, stereotipo

Per opporsi a chi continua a parlare di “razze” umane riproponendo un razzismo dei fatti, che tanti lutti ha provocato, non si può riproporre una logica del “siamo tutti uguali”. Occorre invece indagare le differenze svincolandole dal concetto di...

Raffaele Mantegazza: 24 Agosto 2011

Parole chiare sulla differenza

Alla Scuola primaria spetta il compito di trasmettere concetti chiari e parole esatte sulla differenza. Al proposito, si rivelano fondamentali i saperi della geografia umana e l’educazione del bambino alla domanda su ciò che lo circonda e che percepisce...

Raffaele Mantegazza: 24 Agosto 2011

Identità e differenza

L'incontro con la differenza, nella Scuola primaria, è un'occasione per far riflettere i bambini sulla propria identità. Ci sono differenze che si vedono e altre che non si notano; differenze che saltano agli occhi e differenze che sono più...