"In classe ho un bambino che..." - L'importanza della prevenzione precoce dei DSA

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [U7MFM9Y6] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [TAQ3V1CN] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [8EG5UBIP] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

"In classe ho un bambino che..." - L'importanza della prevenzione precoce dei DSA

Intervista a Maria Chiara Passolunghi, in occasione del convegno "In classe ho un bambino che..."

immagine.jpg

Maria Chiara Passolunghi insegna Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione presso la Facoltà di Psicologia dell'Università di Trieste, dove si è occupata di bambini con difficoltà d’apprendimento analizzando in particolare la memoria e i processi cognitivi connessi con il pensiero matematico.

In occasione del convegno "In classe ho un bambino che", ha discusso con Luisa Lauretta dell'importanza della prevenzione precoce dei DSA, approfondendo in particolare:

  • un'esperienza di lavoro nella scuola dell'infanzia
  • l'importanza del potenziamento riguardo il numero, l'attività di risoluzione dei problemi, la memoria di lavoro
  • la necessità di introdurre per mezzo del gioco attività e momenti di osservazione
  • la necessità di strategie specifiche per affrontare specifici problemi

Vi invitiamo a seguire la videointervista 
insieme a noi, dal sito di "Psicologia e scuola":

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola