"in classe ho un bambino che..." - Area di sviluppo prossimo: gli strumenti, il gioco, l'Europa e noi

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [BT7KTB8D] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [QAAEAMTI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [K58CDPFB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

"in classe ho un bambino che..." - Area di sviluppo prossimo: gli strumenti, il gioco, l'Europa e noi

Intervista a Luciano Mecacci, dal convegno "in classe ho un bambino che..."

quadrotto_bambino_che_atti.png

Luciano Mecacci è professore  di Psicologia generale presso l’Università di Firenze.

Nel corso del convegno "in classe ho un bambino che..." è stato intervistato da Luisa Lauretta, sui seguenti temi:

 

  • il concetto vygotskijano di “area di sviluppo prossimo”
  • l'importanza degli strumenti e il ruolo che svolgono nello sviluppo cognitivo del bambino.
  • la dimensione del gioco
  • alcuni esempi di sviluppo prossimo con applicazione all'ambiente della scuola
  • il panorama europeo e quello italiano 

 

Vi invitiamo a seguire la video-intervista insieme a noi,
dal sito di "Psicologia e scuola"

 

15 Luglio 2013 Cultura e pedagogia

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola