Cibo sostenibile e mondo equo

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [9KY1WJ4Y] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [8JIEVAMC] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [24FV4PJ6] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

“Cibo sostenibile=Mondo equo” è uno dei filoni proposti da EXPO Scuola 2015 per lavorare in classe. Ecco una serie di percorsi da realizzare con gli alunni del triennio e del biennio di Scuola primaria su questo tema. 

Cibo equo e Mondo solidale

"Equo" e "sostenibile" sono le due parole attorno alle quali si snoderanno i percorsi di educazione alimentare che vi propongo.

La prima parola ci porta all'interno del rapporto tra uomo e ambiente, ci suggerisce una riflessione sulla salute sia dell'uomo che della Terra. La seconda invita ad aprire lo sguardo sulla dimensione globale, sulle infinite reti che collegano chi produce, chi acquista e chi consuma, in un'ottica etica e antropologica.

L'idea di questo contributo è di fornire degli strumenti per pensare e realizzare un percorso laboratoriale finalizzato all'elaborazione di un prodotto, come richiesto dai bandi di concorso emessi da Expo 2015.

Per costruire un laboratorio insieme e per i bambini di cui ci occupiamo, è di fondamentale importanza dedicare del tempo ad una progettazione (e successiva programmazione) precisa ma sufficientemente flessibile per accogliere i materiali che emergeranno nel corso del lavoro.

La durata complessiva del progetto che vi invito a sperimentare è di 2-3 mesi, e si articola in varie fasi.

Prima fase: Lancio del tema

Tempi: 1-2 incontri/giornate (a seconda della disponibilità di tempo)

Possiamo proporre:

  • giochi corporei, letture animate...
  • video, canzoni, storie sonore...
  • visita ad una mostra, visita guidata in un luogo legato al tema.

Seconda fase: Esplorazione del tema

Tempi: 4-5 incontri/giornate (a seconda della disponibilità di tempo)

Programmiamo una serie di incontri a taglio laboratoriale, ovvero attività che:

  • mettano al centro la persona, la sperimentazione attraverso il corpo e la dimensione di gruppo (piccolo e grande gruppo);
  • siano caratterizzate dall'utilizzo di una pluralità di linguaggi (corporeo, multimediale,...) e tecniche (grafico-pittoriche, teatrali,...) per lo sviluppo del tema e delle sue sfaccettature.

Ecco alcuni esempi: brainstorming iniziale intorno ad una o più parole; lettura teatrale o drammatizzazione di una storia sul tema; giochi cooperativi; visione di spezzoni di film; costruzione di un manufatto (ad esempio un collage che raccolga i pensieri del gruppo su uno specifico argomento); rielaborazione di fotografie scattate durante il laboratorio...

Terza fase: Elaborazione di un prodotto

Tempi: 3-4 incontri/giornate (a seconda della disponibilità di tempo)

Il tipo di prodotto da realizzare dipende dal bando scelto (può essere in forma letteraria, artistica o multimediale, una narrazione multimediale, una presentazione in digital-tales...), ma possiamo pensare ad alcuni percorsi tematici comuni, che espongo in massima sintesi qui di seguito.

Percorsi tematici - Figure significative

Si potrebbe lavorare intorno alle storie di vita di Vandana Shiva, Rigoberta Menchú Tum e Wangari Maathai. tre donne che, in differenti continenti, si sono battute in maniera pacifica per la salvaguardia della propria terra e del proprio popolo, ottenendo risultati concreti e riconosciuti dal pubblico e dai governi internazionali.

Per il triennio

  • Agricoltura e rispetto del territorio (ad esempio attraverso un gioco che spieghi la differenza tra monocultura e policoltura, utilizzo di OGM e rispetto delle sementi locali); gli alberi (simbolo della vita, rispetto e difesa, lotta al disboscamento);
  • prodotti e commercio equo e solidale (con particolare riferimento alle zone geografiche delle tre figure presentate);
  • la giustizia (attraverso piccoli racconti di ingiustizie e di pratiche di lotta non violente).

Per il biennio

  • Globalizzazione (giochi e attività sul funzionamento del mercato globale e delle sue conseguenze, lo sfruttamento del lavoro minorile, le responsabilità del Nord del mondo in riferimento ai problemi di sviluppo del Sud del mondo);
  • la teoria di Gaia (una teoria che rilegge l'ecosistema Terra come un essere vivente per cogliere i legami e le connessioni tra i vari sottosistemi che lo compongono);
  • la conquista dell'America in chiave multiculturale (ovvero svelando tutti quegli aspetti di vita che a volte i testi di storia omettono: sfruttamento delle risorse locali, schiavitù, annientamento dei culti locali, migrazione di merci e malattie,...);
  • giustizia, pace e democrazia (analisi delle tre parole in riferimento alla vita delle figure femminili proposte).

Libri e siti utili

Percorsi tematici - Commercio equo e solidale

Presentiamo questa particolare forma di commercio, guardandola da tre diverse prospettive.

Per il triennio

  • Attraverso i suoi prodotti (nello specifico quelli alimentari), approfondendo tipologie, provenienze, modalità di produzione e commercio, principi teorici che stanno alla base, etc...

Per il biennio

  • Attraverso i diversi modi di fare e pensare il commercio equo solidale, ad esempio prendendo in considerazione diverse aziende e cooperative che se ne occupano in Italia e all'estero, alla ricerca di analogie e differenze, risorse e limiti (diffusione sul mercato convenzionale, attenzione e sostegno a progetti sociali,...);
  • attraverso la storia di un cibo, ad esempio ripercorrendo tutte le tappe, dalla semina alla raccolta delle materie prime, la trasformazione, il confezionamento, l'esportazione, la rivendita e l'acquisto del “consum-attore”, ultimo tassello della lunga filiera.

Libri e siti utili

Percorsi tematici - Slow food, km0 e filiera corta

A partire dalla storia del movimento di Slow food, analizziamo le risorse del territorio di appartenenza della scuola e le nostre abitudini alimentari.

Per il triennio

“Noi siamo ciò che mangiamo”: i cibi (in particolare, compariamo modi di nutrirsi differenti a seconda delle appartenenze culturali) e il valore, anche simbolico, che hanno nella nostra vita (ricordi di sapori e gusti, la tavola come luogo di scambio, cibi e affetti,...).

Per il biennio

Esploriamo il nostro territorio attraverso interviste e uscite, per comprendere come viene valorizzato dai suoi abitanti e politici, attraverso quali iniziative vengono promossi i valori locali (agroalimentari, culinari,...), da dove si riforniscono i rivenditori (sistemi di agricoltura biologica, produttori locali, estero,...).

Libri e siti utili

Cristina Zanetti: 1 Ottobre 2014 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola