Come diventare abili problem solvers?

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [KN81C75H] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [PKEBTL86] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [G6UWRC5B] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

I problemi autentici chiamano in gioco aspetti cognitivi, metacognitivi, emotivi-affettivi. Di Silvana Loiero 

bambino primaria scrivere mani numeri

In una nota vignetta dei Peanuts di Schulz Charlie Brown chiede a Linus: “Se nella tua vita hai un problema, pensi sia giusto affrontarlo subito o rifletterci un po’”? Il suo amico risponde: “Oh, rifletterci... Senza dubbio... Credo proprio tu debba pensarci un po’ [...] per dargli il tempo di scomparire!”.

Ogni tanto capita anche a noi di usare la strategia dell’evitamento nella vita di tutti i giorni. Ma non sempre è possibile. Pensiamo per esempio a quante situazioni problematiche, sul piano lavorativo e familiare, abbiamo dovuto affrontare nei mesi scorsi durante il periodo di “isolamento” a casa, mettendo in moto tutte le nostre abilità per risolverle al meglio.

Problemi di vario tipo, cognitivi o relazionali, affettivi o esistenziali, semplici o complessi, hanno infatti bisogno, per essere affrontati, di strategie efficaci. Ma... come si fa ad apprenderle?

A scuola, sicuramente, si può fare molto. Si promuove infatti lo sviluppo di processi cognitivi e strategie generali (il pensiero creativo, il pensiero critico). Ma non solo: si insegnano “procedure” finalizzate alla soluzione di un problema in settori specifici di conoscenza.

La Matematica, ad esempio, è un campo privilegiato nel portare gli allievi a confrontarsi e risolvere situazioni problematiche. I ragazzi imparano a comprendere un problema individuando le informazioni utili, a rappresentarlo in vari modi, a elaborare un “piano di azione” da eseguire poi con passaggi successivi, a controllare a mano a mano il procedimento.

Si tratta di un processo in cui entrano in gioco aspetti cognitivi, metacognitivi, emotivo-affettivi. Per far luce sulla complessità di tale processo abbiamo chiesto aiuto a molti esperti, nella certezza che i loro contributi saranno di grande aiuto agli insegnanti per conoscere una disciplina come la Matematica che, come sappiamo, può essere magica ma anche un po’ diabolica (H. M. Enzensberger, Il mago dei numeri, Einaudi).  

La Vita Scolastica 10 (giugno 2020) è dedicata alla matematica e a Problemi al centro 

Silvana Loiero: 23 Giugno 2020 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola