Disabilità e gioco, tre modi per sostenere bambini e bambine - "Pillole"

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [V1ZNPHM4] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [T84616RZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [X46APNU6] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Disabilità e gioco, tre modi per sostenere bambini e bambine - "Pillole"

Qual è il ruolo dell'adulto nell'attività ludica? Un'infografica a cura di Tamara Zappaterra

pillole vs grafica

L'importanza del gioco per bambine e bambini con disabilità: qual è il ruolo dell'adulto? 

L'insegnante può essere: 

Facilitatore

Supporta il processo di gioco
• Aiuta a capire le regole
• Aiuta a mantenere l’attenzione sull’attività di gioco
• Semplifica il gioco
• Incoraggia
• Adegua tempi e modalità ai bisogni
• Funge da modello nel gioco

Mediatore

• Promuove la partecipazione
• Aiuta a risolvere i conflitti
• Semplifica il gioco, rimuovendo le barriere
• Fa da mediatore nell’interazione tra il bambino e gli altri
• Aiuta i coetanei del bambino a giocare con lui
• Fornisce nuove idee di gioco e adatta i giochi ai bisogni

Supervisore

• Supervisiona il gioco
• Facilita l’approccio al gioco e alle relazioni
• Formula proposte di gioco adeguate
• Prepara il bambino a giocare in modo sempre diverso
• Ha competenze e abilità in settori specifici

Trovi questa "pillola" per star bene insieme anche in infografica.

14 Maggio 2020 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola