Digitale a scuola: Alessandro Bogliolo, "nessuno si senta escluso"

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [CSHUH3YH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [6XB591AS] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [VDNJJVP8] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Digitale a scuola: Alessandro Bogliolo, "nessuno si senta escluso"

"Dobbiamo riportare al centro l'essere umano con la sua capacità non solo di rappresentazione simbolica ma anche di pensiero computazionale".

bogliolo NOW

Che cosa significa davvero digitale? Che cosa può fare la scuola perché nessuno sia escluso dalla "rivoluzione digitale"? Lo abbiamo chiesto a Alessandro Bogliolo, ordinario all'Università degli Studio Carlo Bo di Urbino. Nel suo libro Coding in your classroom now!, Bogliolo afferma che "il coding è per tutti, come la scuola". 

“Digitale non vuol dire computerizzato, non ha necessariamente a che fare con la tecnologia: digitale è una capacità umana di rappresentazione simbolica ed è la stessa che ha consentito agli esseri umani di sviluppare il linguaggio, la scrittura. Le tecnologie digitali non sono nient'altro che la conseguenza di questa nostra capacità di mettere in sequenza dei segni prestabiliti affidando loro un significato”

Se questo è il presupposto, continua Bogliolo, se riconosciamo che digitale è questo, allora nessuno si senta escluso: ci coinvolge tutti.

 

“Per quanto riguarda la scuola, questa può essere una chiave interpretativa che offra nuovi strumenti anche didattici da  utilizzare fin dalla scuola dell'infanzia o anche prima. L’altra cosa che ritengo molto importante perché nessuno si senta escluso è riportare al centro le capacità umane e quindi l'essere umano con la sua capacità non solo di rappresentazione simbolica ma anche di pensiero computazionale. Io mi occupo di coding: anche quello diventa uno strumento nelle mani degli insegnanti per aiutare a sviluppare il pensiero computazionale, una competenza trasversale. Dopodiché ci sarà l'insegnamento dell'informatica come l'insegnamento di ogni altra disciplina che potranno beneficiare del fatto che queste competenze siano state valorizzate fin da subito”.

Guarda il video di Alessandro Bogliolo: 

Digitale a scuola: Alessandro Bogliolo, nessuno si senta escluso from Giunti Scuola on Vimeo.

 

Sfoglia la rivista a questo link

Cerca e scarica  i materiali didattici a questo link 

Scarica Dossier, Esperienze dalle scuole, "Pillole" e altro ancora a questo link 

Abbonati a questo link

Non perdere le "Pillole" ogni lunedì e giovedì sulla pagina Facebook La Vita Scolastica 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

26 Febbraio 2020 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola