"Donare" agli altri attraverso la lettura

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [536JQCLY] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [CNWZHYIR] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [NEC2NL3L] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

"Donare" agli altri attraverso la lettura

Per leggere “bene” ad alta voce spesso basta il contesto: aver costruito cioè una cornice dentro cui questo regalo è atteso e gradito. Di Beniamino Sidoti

bambini che leggono

Quando leggiamo qualcosa a qualcuno, stiamo facendo un dono: regaliamo le nostre passioni, la nostra partecipazione, il gusto di ciò che leggiamo. Per questo la lettura ad alta voce è centrale in ogni politica di promozione e di educazione alla lettura, a qualsiasi età: perché la lettura, letta e condivisa, non è né compito né ostacolo, ma curiosità e possibilità.

Dire che la lettura ad alta voce è un dono significa, per me, anche sottolineare quanto gli aspetti “tecnici” e performativi vengano dopo il coinvolgimento personale: per leggere “bene” ad alta voce spesso basta il contesto, aver costruito cioè una cornice dentro cui questo regalo è atteso e gradito. Non ci sono “trucchi” ma desiderio e gusto, non si parte da fuori ma da dentro, dal proprio corpo.

Dieci parti del corpo da cui parte una lettura ad alta voce

OCCHI: la lettura ad alta voce parte dallo sguardo

VOCE: dallo sguardo, la lettura passa alla voce

ORECCHIO: leggendo, seguiamo due ritmi: quello del libro e quello del gruppo

CUORE: un altro organo del ritmo

POLMONI: la voce è fatta di fiato

SEDERE: quando leggiamo prendiamo una postura rilassata

MANI: una tiene in mano il libro, l’altra è libera

VOLTO: parla senza che si arrivi a recitare.

ANCHE IL LIBRO HA UN CORPO

I CORPI DEGLI ALTRI: rispettiamo chi ci ascolta

"Uno spettacolo di formazione"

Carla Ida Salviati e Beniamino Sidoti saranno ospiti di “Uno spettacolo di formazione” promosso da Giunti Scuola e in programma il 16 gennaio a Roma, il 17 gennaio a Lecceil 24 gennaio a Perugia. Il tema è "Leggere. Obiettivi, idee, strategie". Clicca sui collegamenti per avere maggiori informazioni. 

In occasione degli incontri di formazione sarà fornita ai presenti una dispensa con all’interno la versione integrale di questo articolo.

Sfoglia il booklet per saperne di più:

Open larger view

► Scegli gli incontri formativi che ti interessano nelle 9 città e iscriviti subito a questo link

► Prezzo speciale con abbonamento a La Vita Scolastica

Prezzo fedeltà per chi ha già partecipato lo scorso anno, per gli abbonati alle riviste e per gli adottatari Giunti Scuola

 
 

Beniamino Sidoti: 3 Dicembre 2018 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola