Reazioni colorate! Acidi e "anti-acidi"

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [DISCKH6B] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [9FWS88YP] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [IQJ5XJ6G] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Parliamo ancora di reazioni chimiche: diamo vita a un vero e proprio “arcobaleno chimico”!

pera_aprile_2

Partiamo da un fenomeno che a tutti noi è certo capitato di osservare.
Pensiamo a cosa succede quando ci prepariamo un tè, e magari cosa si manifesta ai nostri occhi quando lo lasciamo a lungo in infusione perché ci piace forte: l’acqua calda, per effetto dell’infusione delle foglie di tè, assume un colore arancione scuro.
Se aggiungiamo qualche goccia di limone (che gusto ha il limone? È acido), il colore del tè si schiarisce, diventando arancione chiaro.
Proviamo ora ad aggiungere una punta di cucchiaino di bicarbonato al nostro tè al limone e vedremo che il colore del tè tornerà a scurirsi.

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola