Facciamo un buco... nell'acqua!

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [SKXEY5LQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [FQCJU1IR] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [WXX66CPW] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Torniamo a parlare di acqua, che è un liquido veramente un po’ particolare. Questo mese parleremo di un’altra delle sue proprietà: la tensione superficiale.

cerchi nell'acqua.jpg

I bambini amano giocare con l’acqua e spesso fanno esperienza del galleggiamento anche se nulla sanno del principio di Archimede e della tensione superficiale.

Con il post di questo mese proviamo ad accompagnarli a scoprire che la superficie dell’acqua si comporta come la pelle di un tamburo tanto che alcuni insetti riescono addirittura a “camminarci” sopra.

Fonte immagine


Occorrente
una scodella un bicchiere
una graffetta piccola bottoni
un cucchiaio o una forchetta borotalco
una lente d’ingrandimento acqua
una matita  

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola