Percorsi per la classe seconda

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [SZ5KXGSN] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [NBKYVFVI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [PMKTKDHB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Impostare un percorso di lettura è il primo step per molti insegnanti e va al di là di una semplice bibliografia. Ecco alcuni suggerimenti su come procedere.

00-book-house-in-perm-russia-28-09-13

Il mese scorso una collega mi ha scritto (potete farlo anche voi scrivendo ad animarelettura@giunti.it) chiedendo un consiglio:

"Buongiorno. Sono un'insegnante e quest'anno condurrò un laboratorio di lettura al pomeriggio, in una classe seconda scuola primaria. Chiedo se possibile un percorso didattico da sviluppare con alcuni libri adatti a questa fascia d'età. Conosco i libri che sono nella lista consigliata e li trovo super, ma quello che a me manca è avere un percorso di animazione alla lettura come esempio. Grazie se riuscite. Michela"

Vorrei condividere con tutti voi la mia risposta.

Quando dobbiamo organizzare un percorso di lettura che si dipana per più giorni possiamo decidere di lavorare su un tema (per esempio le emozioni) o sulla tipologia libro (gli albi illustrati) o su una tipologia testuale (il testo descrittivo e quindi leggeremmo solo libri divulgativi). Ci possono essere altri spunti ovviamente, ma questi sono i più classici.

Esempio pratico: le emozioni

Se per esempio volessimo lavorare sulle emozioni potremmo decidere di leggere insieme ai ragazzi albi illustrati, pezzi di qualche romanzo e perfino vedere spezzoni di cartoni animati che siano coerenti con il tema.

Quindi, continuando con questo esempio, potremmo leggere:

il primo giorno un albo sulla rabbia come Nel paese dei mostri selvaggi o La maschera o altri simili.
Quando si fanno dei lavori sulle emozioni è importante dare il giusto spazio per la condivisione delle sensazioni. Poi ognuno può avere un momento individuale in cui si disegna come ci si sente quando si è arrabbiati. Per entrambi i libri si può chiedere disegnarsi "travestiti" da animali.

Un'altra volta si può provare sempre con un albo legato alla gioia, consiglierei di passare alla poesia e si potrebbe usare L’alfabeto dei sentimenti, di Janna Cairoli.
Questo può essere un bello spunto perché tutti scrivano su dei post-it delle parole di gioia e poi assemblarli per creare una nuova poesia tutti insieme.

Il giorno successivo si può leggere invece un pezzo di romanzo sulla tristezza, per esempio il terzo capitolo di Harry Potter quando lui si accorge che anche per gli undici anni non avrà una festa di compleanno.
Su questo si può lavorare sui metodi che ognuno di noi ha per superare la tristezza, ogni bambino può verbalizzare che cosa fa e, tutti insieme, possono costruire una macchina per la tristezza (che la fa passare? Che aiuta a gestirla? Ecc.)

Questi sono solo alcuni spunti, un post di un blog molto utile in tal senso è su Galline Volanti.

 

 Nella foto di copertina potete vedere una bellissima libreria a Perm in Russia. 

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola