Valutazione del sistema scolastico: ecco la direttiva

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [QVAX4PHN] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [FBQJIBKJ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [EVB858YU] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Entro luglio 2015 le scuole produrranno il loro primo rapporto di autovalutazione con gli obiettivi di miglioramento. Dall’anno prossimo gli istituti saranno sottoposti a verifica esterna.

Bernacca - Valutazione degli insegnanti

Il 18 settembre il Ministro Giannini ha firmato la direttiva che individua le priorità strategiche del Sistema Nazionale di Valutazione per il triennio 2014/2017.

La direttiva illustrata i criteri generali per assicurare l'autonomia del contingente ispettivo e per la valorizzazione delle scuole del sistema scolastico nazionale (scuole statali e paritarie), nel processo di autovalutazione.

Tempi e modi del Rapporto di autovalutazione

A partire da quest'anno, gli istituti dovranno redigere un Rapporto di autovalutazione, utilizzando un format corredato di indicatori e dati comparabili, reso disponibile dall’Invalsi entro il mese di ottobre. I dati e lo stesso Rapporto saranno immessi in una piattaforma predisposta dai Servizi Informativi del Miur.

Le scuole dovranno tener conto anche delle precedenti esperienze di autovalutazione svolte in autonomia o all'interno di progetti sperimentali. Anche le scuole che stanno partecipando al progetto Vales, per esempio, dovranno comunque compilare il rapporto secondo il nuovo modello strutturato dall’Invalsi.

Il rapporto di autovalutazione sarà completato entro luglio 2015, e sarà reso pubblico tramite il portale Scuola in chiaro e dovrà essere pubblicato anche sul sito web dell’Istituzione scolastica.

La pianificazione e realizzazione del Piano di miglioramento verranno attuate a partire dall’a.s. 2015/2016. Nel luglio 2016 vi sarà un primo aggiornamento del Rapporto. Al termine del triennio tutto il processo si concluderà con la pubblicazione da parte delle scuole di un primo Rapporto di rendicontazione sociale.

Prove Invalsi: cosa cambia

Per quanto riguarda gli apprendimenti degli studenti l’Invalsi dovrebbe predisporre delle linee guida per agevolare la lettura dei dati da parte delle scuole. Per quanto riguarda i dirigenti scolastici, la Direttiva precisa che entro il mese di dicembre 2014, l'Invalsi definirà gli indicatori per la loro valutazione. Tali indicatori saranno inseriti in un disegno generale di valutazione della dirigenza scolastica su cui il Miur si confronterà con le organizzazioni sindacali e le associazioni professionali.

Il riferimento normativo

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola