Direttiva annuale sugli obiettivi generali delle politiche educative

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [7A47DZKS] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [K5JRDB6T] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [B9PQT9E9] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Direttiva sugli obiettivi generali in campo educativo per l’anno scolastico 2010-2011.

Direttiva n.67 del 30 luglio 2010

È stata emanata, dopo la registrazione da parte della Corte Conti del 20 settembre 2010, la direttiva annuale con la quale il Ministro dell’istruzione definitsce gli obiettivi generali delle politiche educative nazionali di cui l'INVALSI dovrà tener conto per lo svolgimento della propria attività istituzionale per l'anno scolastico 2010/2011.

In particolare l’Istituto dovrà:

  • provvedere alla stesura di un “Rapporto annuale sui risultati degli apprendimenti”;
     
  • provvedere, sulla base delle indicazioni contenute nella direttiva triennale n. 74 del 15 settembre 2008, alla valutazione degli apprendimenti tenendo conto anche delle soluzioni e degli strumenti già adottati per rilevare il valore aggiunto prodotto da ogni singola scuola in termini di accrescimento dei livelli di apprendimento degli alunni. Le prove dovranno essere effettuate con soluzioni che ne garantiscano la corretta somministrazione e forniscano adeguate garanzie sull’attendibilità dei dati;
     
  • assicurare la partecipazione italiana ai progetti di ricerca internazionali e comunitari in campo valutativo dei ragazzi e degli adulti per favorire l’analisi da parte delle stesse scuole sui punti di forza e di debolezza degli studenti evidenziati dalle indagini;
     
  • predisporre i testi da sottoporre alla scelta del Ministro per la prova scritta a carattere nazionale, da somministrare nell’ambito dell’esame di Stato a conclusione del terzo anno della scuola secondaria di I grado;
     
  • progettare e mettere a disposizione delle istituzioni scolastiche prove di valutazione degli apprendimenti relative a nuove aree disciplinari con priorità alla lingua inglese e alle scienze.

06/08/2009

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola