M. Concetta Messina

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [RS1165HB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [HUHUDGSP] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [LB9XD2MW] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

M. Concetta Messina

Sono nata a Sassari il 28 novembre 1970 e sono vissuta a Valledoria, un paese sul mare del nord Sardegna, sino all’età di 33 anni. Da 12 anni vivo a Roma dove da tre anni dirigo l’Istituto Comprensivo “Parco di Veio”. Sono figlia d’arte: mia mamma era maestra, mio babbo insegnava lettere e mio zio, fratello gemello di mio padre, era direttore didattico. A casa si mangiava sempre “pane e scuola”! Ho superato il mio primo concorso e sono diventata una maestra di ruolo a vent’anni: prima ancora di finire il mio corso di studi in materie letterarie. Mi sono laureata a 23 anni con una tesi su alcune poesie di Piero Jahier, manifestando sin da allora la mia particolare propensione per la lettura, la letteratura e la sintassi dei testi. Ho sempre scelto di insegnare alla scuola primaria pur avendo superato i concorsi per la scuola dell’infanzia, quello per la scuola media e quello per la scuola superiore.

La didattica della lingua italiana è divenuta con gli anni anche oggetto di studi e approfondimenti personali sino a costituire una vera passione e il salto verso la dirigenza scolastica è stato, per questo, non poco sofferto. Da quando non ho più la mia classe, però, ho iniziato a svolgere come formatrice numerosi corsi in didattica dell’italiano rivolti agli insegnanti del settore dell’obbligo e questo mi permette di continuare a tenere vivo lo sguardo all’insegnamento, alla ricerca pedagogica e alle nuove sfide lanciate dalle varie teorie sull’apprendimento.