Voto numerico addio?

Si sta sviluppando il dibattito sulla sostituzione, nel primo ciclo, dei voti in decimi con un codice a lettere (A,B,C,D,E). Non può trattarsi solo di un restyling comunicativo: in gioco c'è una diversa cultura della valutazione formativa. Una riflessione di Giancarlo Cerini. 

di Giancarlo Cerini · 1 July 2016
0

REGISTRATI ACCEDI

0
14 min read

Fonte immagine www.riza.it

Una questione pedagogica, ma anche “politica”

Tra le novità inaspettate introdotte dalla legge 107/2015 c’è anche una ampia delega legislativa (al comma 181, lett. i, dell’unico articolo della legge) in materia di valutazione. Il legislatore, infatti ha affidato al Governo la potestà di rinnovare le modalità e gli strumenti della valutazione e della certificazione delle competenze

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it