Perché faccio quello che faccio? Riflettere sull'agire educativo

Tra le risorse professionali di chi lavora con i bambini è centrale “l'arte della riflessione”. Di Anna Lia Galardini

di Redazione GiuntiScuola · 16 gennaio 2019
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
2 min read

L' agire educativo deve essere intenzionale in quanto si pone obiettivi che si rapportano a situazioni concrete, all'osservazione del bambino che abbiamo di fronte, al contesto che lo accoglie. Si tratta di un agire che deve continuamente interrogarsi sugli intenti e sugli esiti . Deve perciò essere un agire riflessivo capace di verificare la coerenza tra i propositi e i convincimenti che ispirano l'azione educativa e quanto in pratica accade.
Vogliamo affermare un'idea di nido come luogo

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Vuoi provare io+ gratis per un mese? Registrati a giuntiscuola.it!