Osservare i bambini e trasformare noi stessi

Dobbiamo avere il coraggio di uno sguardo sui bambini che potrebbe farci cambiare idea, osare nuovi linguaggi, strategie, giochi… al nido si può. Di Giulia Clemente

di Redazione GiuntiScuola · 30 aprile 2019
0

REGISTRATI ACCEDI

0
2 min read


“Mi sveglio sempre in forma
e mi deformo attraverso gli altri”
Alda Merini


Parole forti e intense di una poetessa fuori dalle righe. L ’incontro con l’altro è rappresentato come un incessante trasformarsi e riformarsi, in un dialogo in costruzione dove l’io non può restare su se stesso ed è spinto a cambiare nell’accoglienza dell’altro .
Osservare i bambini e le bambine nella quotidianità al nido e trasformare le nostre osservazioni in una regia di scelte, orientamenti, proposte è prop

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it