"Il diritto al gioco è scomparso insieme al tempo libero": Francesco Tonucci e i diritti dei bambini

"Il gioco ha bisogno di tre condizioni: tempo libero, autonomia e spazi. Ma il tempo libero è scomparso e le città sono delle auto...": intervista al pedagogista e difensore dei diritti dei bambini.

di Chiara Tacconi · 20 November 2019
0

REGISTRATI ACCEDI

0
1 min read

Francesco Tonucci , premio Andersen , ricercatore CNR e (con lo pseudonimo FraTo ) illustratore, per tutta la vita ha cercato di conoscere i bambini - sono parole sue - e ha lavorato perché fossero riconoscuti i loro diritti.

Tra questi, il diritto al gioco è uno dei principali. "I bambini hanno un doppio diritto: all’ educazione e al gioco . Il problema è che il gioco è scomparso dalla vita dei nostri bambini. Il gioco ha bisogno di tre condizioni: tempo libero, autonomia e spazi . Ma il tempo libero è scomparso".

E lo spazio?

"È imperdonabile che un bambino giochi t utti giorni nello stesso posto con gli stessi giochi, vigilato da un adulto. Non è gioco: gli si può dare un altro nome.
Giocare è uscire di casa, incontrarsi con amici e scegliere un gioco e il posto giusto per giocare insieme.
Il posto giusto è lo spazio pubblico della città , oggi tutto delle auto private. Va restituito a tutti: nello spazio pubblico si esercitano i diritti...".

Per saperne di più

Leggi anche: "Bambini, diffidate di noi adulti": Francesco Tonucci e i diritti dell'infanzia

Scuola dell'infanziaScuola primariaeducazioneDirittigiocoautonomiadocente

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it