Graziella Favaro

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [ZDTF16JK] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [3AX81KJZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [41EVUVYJ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Graziella Favaro

Graziella Favaro è direttore di “Sesamo. Didattica interculturale” fin dai suoi esordi: per alcuni anni nella sua versione cartacea e ora in versione online.



Da vari anni si occupa dei temi legati alla trasformazione della scuola italiana in senso multiculturale e plurilingue e dei processi educativi nella migrazione. In particolare, approfondisce gli aspetti pedagogici e didattici connessi all'insegnamento/apprendimento dell'italiano come seconda lingua, dell'inclusione dei bambini e dei ragazzi che hanno un percorso, diretto o famigliare, di migrazione, dell'educazione interculturale per tutti. Su questi temi svolge un lavoro di ricerca, formazione dei docenti e degli operatori, elaborazione di progetti, materiali e proproste di lavoro.



Ha insegnato per anni l'italiano come seconda lingua agli immigrati e coordinato i corsi di formazione lingusitica per gli apprendenti stranieri. È stata referente scientifica della sezione "Educazione interculturale " dell'Indire. Fa parte dell'osservatorio nazionale e del comitato scientifico sull'integrazione degli alunni stranieri del MIUR.



Al fine di accompagnare la scuola, i docenti e gli operatori che lavorano in contesti multiculturali ha fondato il Centro COME (Milano),di cui è responsabile scientifica. È referente nazionale della Rete dei Centri Interculturali e responsabile scientifica del convegno annuale che i Centri interculturali promuovono, ogni anno in una diversa città.



Scrive i testi e cura la collana "Storie sconfinate", edita da Carthusia, che propone fiabe bilingui diffuse in Paesi e contesti diversi. La collana ha ricevuto nel 1998 il prestigioso premio Andersen. È autrice di testi e di materiali didattici multimediali per l'insegnamento dell'italiano L2 ad adulti e a bambini.
Dirige la collana "La melagrana. Idee e pratiche di educazione interculturale", edita da Franco Angeli.
Cura la rubrica mensile "Nella mia classe il mondo" su "La Vita Scolastica".



Fra i suoi testi più recenti:

Didattica interculturale. Nuovi sguardi, competenze, percorsi (Franco Angeli);

Bambini stranieri a scuola (La Nuova Italia);

Ragazze e ragazzi nella migrazione (Guerini);

L'intercultura dalla A alla Zeta (Franco Angeli);

Come un pesce fuor d'acqua. Il disagio nascosto dei bambini e dei ragazzi immigrati (Guerini)

Insegnare l'italiano agli alunni stranieri (La Nuova Italia- RCS);

Il tempo dell'integrazione (Franco Angeli);

Non uno di meno (Franco Angeli);

Dare parole al mondo. L'italiano dei bambini stranieri (Junior);

A scuola nessuno è straniero (Giunti)