Blog

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [QKSEUP6T] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [QPMETAMJ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [YM91L7CM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [QKSEUP6T] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [QPMETAMJ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [YM91L7CM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Imparare l’italiano giocando

È possibile imparare (e insegnare) l’italiano divertendosi? Dipende forse dalle modalità di approccio? Ecco alcuni modi per far divertire i bambini anche con l’ortografia e la grammatica. Di Angela Maltoni. 

Bussole Graziella Favaro: 07 Dicembre 2017

Lo spirito del Natale

Parole e immagini per ritrovare significato e dare valore alla festa più inclusiva. Di Graziella Favaro.   

Se una scuola da sempre accogliente non può accogliere

Una scuola inclusiva in difficoltà riporta l’attenzione sulla necessità che ogni istituzione (Comune, Ufficio scolastico ecc.) si assuma le proprie responsabilità in una prospettiva di integrazione. Di Gilberto Bettinelli. 

Il racconto piccolo da sentire e risentire

Un’alleanza educativa tra scuola e famiglia che mette al centro la narrazione e le lingue dei bambini che per un giorno escono dal silenzio. Di Giovanna Masiero e Maria Arici. 

Bussole Graziella Favaro: 17 Novembre 2017

Troppo e troppo poco: le infanzie diseguali e la giornata dei diritti dei bambini

I diritti dei bambini non sono uguali per tutti. Anche qui, accanto a noi, le disuguaglianze nelle storie d’infanzia aumentano anzichè declinare. E la scuola riesce a “fare uguaglianza”? Di Graziella Favaro.

Il mio oggetto... la mia storia

Gli oggetti possono diventare strumenti per alimentare il senso di appartenenza e la costruzione dell’identità. Per un bambino sono imprescindibili strumenti di conoscenza. Di Antonella Sada. 

successiva