Convegno LO SPAZIO E IL TEMPO IN RIABILITAZIONE: IL METODO SaM (Sense and Mind). Il 18 novembre a Monza

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [SJGJRULZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [LCASMKID] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [2RRLHB91] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Convegno LO SPAZIO E IL TEMPO IN RIABILITAZIONE: IL METODO SaM (Sense and Mind). Il 18 novembre a Monza

Al via le iscrizioni al Convegno sul Metodo SaM che si terrà il 18 novembre a Monza, rivolto a Medici Fisiatri, Neurologi, Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Neuropsicologi, Fisioterapisti, Logopedisti,Terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva.

Il metodo SAM (Sense and Mind) è un approccio riabilitativo di recente elaborazione, che utilizza lo spazio del corpo come primo strumento della conoscenza e favorisce l’integrazione multimodale delle informazioni con un intervento “process oriented”.

Nei pazienti con esiti di lesione cerebrale, il metodo trova un importante campo di applicazione: la proposta parte dal corpo e dalle informazioni percettive che provengono dal suo movimento, tendendo all'integrazione dei diversi portali sensoriali e alla consapevolezza dell’atto agito per la costruzione del progetto.

Il contributo diagnostico funzionale, prognostico e riabilitativo del Metodo SaM fa riferimento ai modelli teorici attuali delle neuroscienze, quali le più recenti evidenze in letteratura sull'organizzazione spaziale, sull'organizzazione temporale, sull'embodied cognition, sui neuroni specchio, sull’organizzazione del movimento e sulle immagini mentali. Interviene quindi rendendo il corpo protagonista delle esperienze possibili negli spazi dinamici che lo circondano.

I maggiori settori applicativi e di approfondimento del Metodo sono attualmente rappresentati dai disturbi percettivi spaziali in pazienti con esiti di ictus e grave cerebrolesione acquisita (GCA), dai disturbi di coordinazione motoria in età evolutiva e
da altre difficoltà come le distonie focali.

Il Convegno prevede l’intervento dell’ideatrice del Metodo SaM, la Dr.ssa Annalisa Risoli, e del Prof. Alessandro Antonietti, docente di Psicologia, che illustreranno i fondamenti neuroscientifici alla base del Metodo.

Seguiranno diversi interventi di esperti che applicano il Metodo nella riabilitazione dell’adulto e del bambino, e l’esposizione di diversi casi clinici.

 

Per saperne di più...

Scarica la locandina!

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola