Prevenire le relazioni aggressive nella scuola: un laboratorio di alfabetizzazione morale

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [N5SM2U5Z] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [4VQ7LLAM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [U2RZD7SR] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [N5SM2U5Z] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [4VQ7LLAM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [U2RZD7SR] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Prevenire le relazioni aggressive nella scuola: un laboratorio di alfabetizzazione morale

L’articolo presenta attività pratiche di prevenzione primaria delle relazioni aggressive nella scuola, da realizzarsi a livello di gruppo-classe, basate sulla discussione collettiva di dilemmi morali. 
prevenire_relazioni_aggressive

Fonte: www.vallesabbianews.it

La capacità, unita alla disponibilità, di anteporre al soddisfacimento di istanze individuali l’adeguamento a norme di natura sociale, attinenti perciò a principi di rispetto delle necessità altrui e di osservanza di regole che strutturano la convivenza nella collettività, può rappresentare un efficace strumento di prevenzione primaria nei confronti delle relazioni aggressive che, all’interno dei gruppi-classe, sovente inficiano la qualità dei rapporti tra pari, le dinamiche interattive alunno-docente, il piacere di apprendere, il benessere globale dello studente.

L’intervento di alfabetizzazione morale che qui proponiamo trae ispirazione da due quadri di riferimento – la teoria sociale-cognitiva di Albert Bandura e la teoria stadiale dello sviluppo morale di Lawrence Kohlberg – la cui applicazione empirica si è rivelata efficace, come conferma una ormai vasta letteratura (Zanetti, 2007), nell’incrementare le capacità di ragionamento morale dei soggetti in età evolutiva, e di cui ora tratteggeremo le caratteristiche più rilevanti rispetto agli scopi del presente lavoro.

Bandura (si veda Bandura et al., 1996) indagò l’azione di meccanismi cognitivi capaci di operare una disattivazione selettiva del giudizio morale, ossia una sospensione del riferimento al sistema di autoregolazione, all’insieme di standard morali interni – derivanti dalla sedimentazione e dall’integrazione di prescrizioni, modelli ed esperienze dirette – che assicurano un efficace controllo sulla condotta dell’individuo; gli otto meccanismi di moral disengagement (disimpegno morale) descritti dallo studioso svolgono una funzione disinibente che lenisce e rende tollerabile il senso di colpa derivante dalla trasgressione di norme interiorizzate, consentendo in tal modo la messa in atto di comportamenti socialmente inaccettabili.

Kohlberg (1969; 1973) elaborò una teoria dello sviluppo morale che concepisce l’evoluzione della moralità come una successione universale ed invariabile di livelli e stadi. La valutazione del livello di ragionamento morale raggiunto da un soggetto si basa sulla somministrazione di dilemmi morali e di interviste ad essi relative; un dilemma morale è una situazione in cui entrano in conflitto almeno due interessi o valori e che, generalmente, implica contrasto fra norme giuridico-sociali e soddisfacimento di necessità individuali; detto contrasto genera un conflitto cognitivo (legato al ventaglio di possibilità di scelta che la situazione dilemmatica offre ai personaggi che ne sono pro­tagonisti) che l’individuo è stimolato a superare – procedendo così in direzione evolutiva – specialmente se esposto, grazie ad una discussione collettiva, a stadi di ragionamento morale più avanzato.

 

Per saperne di più scarica l'articolo completo che trovi nella sezione "Approfondimenti" in cima a questa pagina.

Carlo Berrone, Roberta Renati, Maria Assunta Zanetti (Università di Pavia): 26 Ottobre 2017 Comportamento, Emozioni, Relazioni

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola