Nasce "MaBasta!" - Movimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [I63KK23S] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [H7JMX896] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [FF8LHJMQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Nasce "MaBasta!" - Movimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti

14 ragazzi e ragazze dell'Istituto "Galilei - Costa" di Lecce hanno creato "MaBasta!", Movimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti. Raccolgono in una pagina Facebook contenuti per conoscere meglio il bullismo, dare voce alle vittime e uscire dal silenzio: quello di chi soffre e quello di chi si macchia di complicità con bulli e cyberbulli evitando di denunciarne le malefatte. Il sito internet è in costruzione. 

Ma Basta

"MaBasta! è il primo movimento anti bullismo animato da studenti adolescenti, nasce dal basso (anzi, dal bassissimo, siamo ragazze e ragazzi di 14/15 anni)": si presenta così la pagina Facebook creata da ragazzi e ragazze che frequentano la prima superiore a Lecce, presso l'Istituto "Galilei - Costa".

Colpiti dalla vicenda della ragazza di Pordenone che ha cercato di uccidersi perché non sopportava più gli atti di bullismo dei compagni, loro stessi stanchi di lasciar passare sotto silenzio tanti gesti di sopruso, hanno deciso di unire le forze e di socializzare contenuti per conoscere meglio il bullismo, raccontare storie e superare in questo modo la solitudine di chi subisce e il silenzio colpevole di chi fa finta di nulla. Il sito internet dedicato all'iniziativa è al momento in costruzione. 

Per saperne di più

17 Febbraio 2016 Dal web

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola