"La mia vita da Zucchina", diventare grandi è un'avventura

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [KWCL9WB3] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [KCP799FT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [GIC6QRGQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

"La mia vita da Zucchina", diventare grandi è un'avventura

Un "capolavoro di animazione e di poesia dedicato all’infanzia e ai suoi temi più dolorosi": anche nelle sale italiane arriva il film d'animazione davvero unico per la tecnica e per lo sguardo sui temi più difficili. Ecco il trailer.

la mia vita da zucchina

Arriva anche nelle sale italiane, dopo il successo al festival di Cannes, "La mia vita da Zucchina" (titolo originale: "Ma vie de courgette”), storia di Icare, un bambino chiamato Zucchina che, rimasto senza genitori, viene mandato in una casa-famiglia. L'amicizia con i compagni che troverà qui gli farà superare anche le più grandi difficoltà. 

Il film, diretto da Claude Barras e scritto da Céline Sciamma, è interamente girato in stop motion (la tecnica prediletta da Tim Burton in opere come La sposa cadavere) e ha già entusiasmato pubblico e critica:  "La mia vita da Zucchina ha bisogno solo pochi minuti (fino all’incontro con il poliziotto ne son passati 7) per trasportare lo spettatore in quel misto di malinconia e delicata comicità che è la chiave per entrare in questo capolavoro di animazione e di poesia dedicato all’infanzia e ai suoi temi più dolorosi" (Paolo Mereghetti sul Corriere della Sera).

Per saperne di più

Scarica il volantino per le proiezioni dedicate alle scuole

Scarica la brochure didattica che accompagna il film. 

1 Dicembre 2016 Dal web

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola