"Incontri con la matematica", il convegno dei grandi numeri

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [MJGDKXFF] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [J3MLCSJL] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [FUIHZ4W5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

"Incontri con la matematica", il convegno dei grandi numeri

È il convegno annuale di didattica della matematica più frequentato d’Europa. Prossima edizione (la XXXI) il 10-12 novembre 2017, a Castel San Pietro Terme (Bologna). Diretto da Bruno D’Amore, Martha Isabel Fandiño Pinilla e Silvia Sbaragli.

convegno matematica 2016

Il Convegno Incontri con la Matematica è stato ideato da Bruno D’Amore; la prima edizione del convegno nazionale (la numero 0) si svolse a Bologna nel settembre del 1986; ebbe come titolo Gioco e matematica. La seconda edizione (la numero 1) si svolse nel novembre del 1987 a Castel San Pietro Terme, ed ebbe come titolo La matematica e la sua didattica. Da allora in poi, Castel San Pietro Terme è sempre stata la sede del Convegno.
Oggi il convegno è diretto da Bruno D’Amore, Martha Isabel Fandiño Pinilla e Silvia Sbaragli; è, di gran lunga, il convegno annuale di didattica della matematica più frequentato d’Europa, raccogliendo circa 1200-1250 partecipanti ogni anno.
Al momento dell’inaugurazione, gli Atti, realizzati da Pitagora Editrice in Bologna, a cura di Bruno D’Amore e Silvia Sbaragli, sono già disponibili; ciò avviene fin dal convegno numero 0, cioè da 32 anni. In occasione del Convegno numero 1, ottobre 1987, vedeva la luce anche la rivista La matematica e la sua didattica, avente lo stesso fondatore e direttore; la rivista è stampata e diffusa in modo gratuito dall’Associazione Incontri con la Matematica, proprietaria del Convegno stesso.
Il convegno prevede conferenze, seminari, laboratori attivi, mostre, poster e attività culturali serali, i cui scopi sono: far incontrare il mondo della ricerca con quello della scuola militante e dare occasione agli insegnanti per mostrare ai colleghi un percorso didattico, un’idea, una pratica didattica che ha avuto successo in aula.
Uno spazio specifico a sé stante è sempre stato dato alla scuola dell’infanzia, ritenuta luogo adatto alla costruzione concettuale e alla pratica cognitiva, ovviamente tenuto conto dell’età degli studenti.
Il Convegno nasce dall’impegno del RSDDM (Gruppo di Ricerca e Sperimentazione in Didattica e Divulgazione della Matematica), fondato da BD nel 1984, tuttora attivo presso il Dipartimento di Matematica dell’Università di Bologna, e conta sull’appoggio del Dipartimento stesso e di vari docenti; e dalla collaborazione specifica del NRD (Nucleo di Ricerca in Didattica della Matematica) che costituisce un sottoinsieme proprio del RSDDM, attivo nella ricerca. E soprattutto dell’associazione culturale Incontri con la Matematica.


Gli sponsor sono presenti durante il convegno con punti-vendita e di illustrazione dei prodotti, con laboratori propri, offerte speciali, omaggi ed altro.
Il Convegno ospita una fortissima presenza di stranieri, da tutta Europa e dalle Americhe; sul suo palco sono passati alcuni fra i più prestigiosi studiosi stranieri. Questo fatto costituisce un’occasione ghiotta che permette di mettere a disposizione degli insegnanti italiani il massimo della ricerca internazionale.
Dal 2000 l’Università di Bologna ha concesso l’uso del suo logo al Convegno, riconoscendolo fra le attività dell’Alma Mater; più volte è stato presente il Magnifico Rettore alla inaugurazione.
Da vari anni è stato sempre concesso al Convegno l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.
Per dimostrare le profonde relazioni che esistono fra la matematica e le altre discipline creazioni dell’essere umano, fin dall’inizio sono stati proposti eventi culturali di legame fra matematica e mondo dell’arte figurativa, del cinema, della musica, del teatro ecc. In particolare si sono allestite mostre di artisti contemporanei come lo svedese Oscar Reutersvärd (che ci ha fatto dono della possibilità di usare in modo indefinito le sue “figure impossibili” come logo della manifestazione e come immagine per la copertina degli Atti), il cileno Victor Simonetti, Lucio Saffaro, Aldo Spizzichino e tanti tanti altri.
Quest’anno, 2017, il Convegno XXXI ospita molte decine di relatori; il programma è a disposizione nei seguenti siti:
http://www.dm.unibo.it/rsddm
http://www.incontriconlamatematica.org
http://www.incontriconlamatematica.net
http://www.artebambini.it

 

13 Luglio 2017 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola