Parole di insegnanti

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [V87DQHD3] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [M3EI196B] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [76QXR1GZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [V87DQHD3] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [M3EI196B] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [76QXR1GZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Non solo insegnano a scrivere, ma gli insegnanti scrivono tantissimo per i bambini o con i bambini, questo mese condividiamo alcune esperienze significative.

letteraC_robertarollo

Il mese scorso raccontavo dei luoghi in cui avrei incontrato gli insegnanti insieme a Carla Ida Salviati e Beniamino Sidoti (se vi siete persi il post lo trovate QUI)

L’incontro di Francavilla Fontana (Brindisi) di novembre mi ha fatto riflettere su quanto scrivano le/gli insegnanti. La maggior parte delle persone che ho incontrato ha uno spirito creativo e lo usa al 100% per creare attività di scrittura collaborativa con i ragazzi, ma anche per condividere online le proprie esperienze.

Durante l’incontro, infatti, abbiamo letto ad alta voce (un’intera platea!) ma abbiamo anche scritto usando un documento condiviso di Google.
La cosa interessante è che la maggioranza della platea aveva l’app di Google installata e quindi è stato facile scrivere tutti insieme una poesia condivisa.

Il primo risultato? Acrostico e palle di neve

In sessanta (adulti e vaccinati) abbiamo provato a fare un acrostico condiviso “A palla di neve” ovvero ogni verso ha una parole di una lettera in più rispetto al precedente. 

2 Un
3 Neo
4 Oggi

5 Salva
6 Patate
7 Esterne.
8 TuTtavia
9 Attraenti
10 Cioccolate
11 Osservavano
12 Lungimiranti
13 Occhieggiando

14 Dattiloscritti
15 Illimitatissimi

16 Famigliarizzando
17 Ottocentosessanta
18 Radiolocalizzatori
19 Microminiaturizzati
20 Accondiscenderebbero

Avremmo dovuto formare "Uno spettacolo di formazione", non ci siamo riusciti fino in fondo, ma arrivare a una parola da venti lettere con la A ci è sembrato già un ottimo risultato. 

Questo "gioco poetico" si può usare anche in classe ed è ottimo per la scrittura collaborativa. Per i bambini scrivere "insieme" con delle regole così stringenti li costringe a una riflessione più profonda e la collaborazione diventa più spontanea che valorizza meglio tutti i partecipanti al gruppo.

Inutile dire che durante questa attività vocabolari e dizionari dei sinonimi e contrari sono tra i migliori amici che chiunque possa avere.

Un progetto di una insegnante, Roberta Rollo

Da questo piccolo gioco è emerso che tantissime insegnanti in platea scrivevano per sé, per i bambini e con i bambini. Tra gli esempi che mi sono arrivati c'è stato quello della maestra Roberta Rollo, di cui vedete l'immagine in cima a questo post. Lei ha lavorato per un intero anno con la classe IE del primo comprensivo a partire dagli spunti di Bruno Munari.

Il risultato è un abbecedario/alfabetiere composto di testi scritti e illustrati dai bambini e da lei. Su quei testi Mina Carrozzo ha composto le musiche che hanno chiuso il "cerchio della scrittura". 

Insegnanti che pubblicano 

Accanto a chi scrive con e per i bambini c'è poi chi scrive per i colleghi. Su questo feci un post un paio di anni fa in cui, per l'appunto, parlavo di insegnanti e blog, trovate il vecchio articolo QUI

Vi aspetto

Che dire, a gennaio sarò a Bergamo e Verona e sono proprio curiosa di scoprire che cosa scriveranno i colleghi di queste due città. Durante il gioco riusciremo a superare le 20 parole? Ci saranno colleghi con progetti interessanti da farmi leggere?

Oltre ad augurarvi buone feste spero veramente di incontrarvi tutti a gennaio, per chi non potesse la mia mail è sempre animarelettura@giunti.it

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola